fbpx

Come leggere la bolletta del gas

Natural gas burner flame on stove

Saper leggere la bolletta del gas può essere molto utile per conoscere le proprie abitudini di consumo e modificarle. È un’ottima soluzione anche per chi vuole cambiare fornitore e necessita di capire quali sono le caratteristiche della sua attuale tariffa. Di seguito indichiamo le voci presenti in bolletta, in modo da aiutarvi nella lettura delle fatture.

Le voci di spesa

Per leggere la bolletta del gas è utile sapere che la voce di spesa per la materia prima gas naturale è la più importante. Infatti, è l’unica da considerare quando si desidera cambiare fornitore. Nello specifico, si tratta di un importo formato da una quota fissa e dalla quota energia. Quest’ultima è variabile e relativa al consumo effettuato.

Le altre voci riguardano la spesa per il trasporto della materiae per la gestione del contatore e quella per gli oneri di sistema (per le attività di interesse generale). Si tratta di importi stabiliti dall’ARERA (Autorità di Regolazione per Energia Reti e Ambiente), che quindi non dipendono dai fornitori.

Infine, quando si decide di leggere la bolletta del gas, è utile considerare la presenza delle imposte fissate dalle leggi statali. Esse sono costituite dalle accise, relative all’energia consumata (applicate con aliquota crescente) e dall’IVA, al 10% per i primi 480 metri cubi consumati annualmente e al 22% per gli altri. In più, è presente l’addizionale regionale, la quale varia a seconda della regione e del gas consumato.

La composizione della bolletta

Nella sintesi della bolletta si possono trovare informazioni quali l’importo da pagare con la scadenza, il numero cliente, il punto di riconsegna PDR e quello di consegna PDC. Sono inseriti in questa parte anche i dati relativi al potere calorifico superiore e al coefficiente di conversione C. Nella sezione relativa alle comunicazioni, sono invece presenti eventuali novità e avvisi.

Come potrete vedere, leggere la bolletta del gas conoscendo questi elementi potrà risultare più facile. Non dimenticate che la quota energia è il dato da considerare nel caso si voglia valutare o cambiare la tariffa sottoscritta.

Superbonus: le ultime novità

Il Superbonus è un’agevolazione introdotta dal Decreto Rilancio, che si presenta come una detrazione fiscale del 110% sulle spese sostenute per lavori di consolidamento sismico

Leggi »